Sogni proibiti

I pensieri volano…fortunatamente più leggeri di chi li fa…possono entrare in mondi che non gli appartengono…e trasformarsi in sogni…si dice siano desideri di felicità… Ma esistono poi sogni proibiti? E da chi, se ne siamo noi gli artefici e i custodi?

BIANCA VENEZIA

Hai visto?

Ancora neve!

 

Qui, sul Canal Grande,

i piccoli fiocchi

si rincorrono

sospinti

dal vento

che non vuole

lasciarli posare

sui ricami

dei palazzi

di questa misteriosa città.

 

Forse è già

troppo affascinante

e il vento

un po’ geloso

non vuole

che si ammanti

per farsi

ancora più civetta

dentro una soffice

pelliccia bianca…

 

Febbraio 2006

VENEZIA VECCHIA SIGNORA

Vecchia signora stanca

imbellettata di intonaci

che si sgretolano

sotto lo sguardo di chi ti ammira.

Con tenacia rimani ancorata al passato

ma sai ch’è illusione

la tua gloria immortale.

 

Con sagace maestria

mostri al mondo le tue nobili origini

e nascondi di là di maestose facciate

la povera, vecchia, decrepita

umida sostanza.

 

Mascherano il tuo declino

sorreggendo le tue rugose membra

incuranti della tua anima.

Un’anima sporca, svilita,

condannata alla dannazione

ignorata da chi da te arriva

per nutrirsi soltanto

della tua bellezza apparente.

 

I tuoi figli ti vendono

dietro lauti compensi.

Beffandoti ti difendono

a gran voce urlando

la loro rabbia contro chi

non conosce quell’anima

che si spegne via via.

 

Eppur proprio loro

i tuoi figli,

ogni giorno ti insultano:

spremendoti le energie,

succhiandoti il siero rimasto

nelle tue vuote mammelle

per ricavarne oro euro

con cui mostrarsi al mondo

nella loro patetica

e ormai lontana nobiltà.

 

Nobili imparruccati

per nascondere i pidocchi

come i tarli

che dietro le facciate ricamate

consumano i travi

che ti sorreggono.

 

Canali un tempo specchio

in cui ammiravi la tua beltà

oscuri rimandano l’olezzo

di chi ha confuso il fango con la fogna,

di chi sprezzante ti insozza

ma grida poi ai forestieri

la sua pretesa di rispetto.

 

Rispetto! per questa vecchia signora

ma guai a lei se osasse umilmente

mostrare a tutti la sua vera età.

 

Come una vecchia carampana ti imbellettano

per vendere ancora una volta la tua anima

e farne denari che mai ti apparterranno.

Ad essi serviranno

per sfoggiare quelle maschere

che al mondo poi rammentino

la gloria di un tempo;

decaduta,

come la loro nobiltà

effimera e volgare.

 

Stanca signora

dal destino ormai segnato

ti ho amata

ti ho odiata

e ti lascio con rispetto

al contrario di coloro

che con grande ipocrisia

da te restano a nascondere

questa tua lenta agonia.

 

(Giugno 2010)

MAIONESE!!!! (vs Nutella &Co.) 

Dopo aver passato anni a credere di essere golosa di Nutella (ed essermene pentita passando al contrattacco con la Nocciolata, decisamente migliore), forse nauseata dal troppo dolce, un giorno scoprii l’abbuffo di maionese!

Probabilmente fu la mia nonna ad indicarmi questa nuova perdizione, succhiandola direttamente dal tubetto onnipresente in frigo. E da lì a pane in cassetta, insalatina e maionese…il passo fu breve ma costellato di mille varianti a cucchiaiate. Ricordo che mia madre provò a farla in casa con scarso successo secondo il mio gusto, perché sapeva terribilmente di olio di oliva e limone, oltre ad essere piuttosto difficile da montare in modo omogeneo. E così mai avrei creduto di cimentarmi nella produzione fai da te. Meglio un bel vasetto pronto, senza rischi di “rotture” , dovute ad una cattiva sbattitura… E per “rotture” e “sbattimenti” vari,vi assicuro che qui non si trattava di poca voglia di fare, ma del rischio di restare a bocca asciutta, anzi bagnata dall’acquolina che non avrebbe ricevuto la sua giusta ricompensa.

Ma un giorno…mi si è aperto un mondo! O forse semplicemente una pagina web di ricette, dove ho trovato e sperimentato la ricetta per una sana e squisita maionese fatta in casa in soli 5 minuti!!!!

Col minipimer!!!!!!!

Come potevo non condividerla???Ecco a voi e buona scorpacciata!

http://youtu.be/XTXzeY9tx_w

Un solo consiglio: per maggiore sicurezza (la salmonella è sempre in agguato se non avete un abbattitore) usate uova pastorizzate. Ciao!!!!

Fatti non foste per viver come Bruchi

download (1)

Vi vedo lì, mollemente adagiati sul divano, quasi parte integrante di esso, mimetizzati proprio come dei bruchi sul loro rametto mentre vi lasciate rapire completamente da ciò che la televisione vi propina.  Ma no, dai, la vostra è una staticità apparente…state in realtà mantenendo in movimento il vostro corpo…o piuttosto, parte di esso…le dita !!  Siiii! Le agitate incessantemente su quel telecomando…In fondo la vostra consolle preferita vi permette di essere attivi nella vita…quella virtuale del gioco che state facendo! Ora  invece  il vostro viso è letteralmente appiccicato ad un tablet: che stiate cercando di sentirvi un po’ più “dentro la notizia”?  Niente; il divano-rametto chi lo molla! Al massimo concedete al vostro corpo di arrotolarsi un po’, mentre sullo smartphone i vostri sviluppatissimi pollici opponibili non riescono ad opporsi alla compulsività messaggistica.

Tranquilli, non vi sto mica dando dei vermi. I bruchi sono ben altro! Io li adoro. Sono carini, simpatici, ve ne sono un’infinita varietà.  E’ vero,  sono dei parassiti per la pianta su cui dimorano, un po’ come potreste apparire voi bivaccando tra sedie, divani, letti e poltrone, maneggiando quasi ininterrottamente uno di quegli arnesi tecnologici. I bruchi però non sono vermi: racchiudono in sè delle potenzialità eccezionali. Ognuno di loro conserva le proprie caratteristiche anche quando inizia a chiudersi in quella che sarà la sua casa larvale per molto tempo, nell’attesa che li porterà alla trasformazione.

download

E voi?   Sia chiaro: non sono contraria ad un sano “cazzeggio” dopo ore di scuola o studio. Il divertimento e la noia devono far parte della vita di ogni adolescente che si rispetti e il riposo è un diritto. Ed io mentre scrivo sono la prima a far uso di  questi fantastici dispositivi. E ammetto che a volte è difficile separarsene. Ma dicevo: voi, soprattutto voi ragazzi della generazione 2.0 che utilizzate tutti questi  mezzi tecnologici praticamente solo per svago, voi che potenzialità avete? Siete sempre immersi in questo mondo virtuale, come bruchetti che si chiudono nel loro bozzolo. Ma cosa ne verrà fuori?

Ragazzi ognuno di voi anche se ora pare un bruco, ha delle enormi potenzialità. Dipende da voi. Non lasciatevi assorbire da questi mezzi e dai contenuti proposti, ma utilizzate queste risorse per capire e sviluppare le vostre potenzialità! Sfruttateli! Non siate passivi! Nutritevene con consapevolezza, usateli per acquisire nuove conoscenze, per esprimere le vostre idee, per cambiare il mondo! Non lasciate che siano altri a servirsi di voi e delle vostre menti attraverso l’assuefazione. Siate svegli, impiegate sempre la vostra capacità critica, ascoltate chi vi dovesse segnalare che vi state creando una dipendenza. Solo così  potrete raggiungere lo stadio superiore e farvi ammirare  nel vostro splendore intellettuale come meravigliose farfalle variopinte.

Non siate passivi!

Non fate la fine di quei bruchi che arrivati allo stadio di crisalide si lasciano tessere da qualcuno, lasciando morire le proprie potenzialità in qualche grammo di seta, quella meravigliosa seta che poteva essere le vostre ali e che andrà invece a vestire ed arricchire qualcun altro! Miei cari bruchetti, ricordatevi che avete tutte le capacità (e i mezzi moderni nelle vostre mani) per realizzarvi,  per poter diventare delle splendide e libere farfalle!

Prendete in mano la vostra vita e volate !

come-nasce-una-farfalla_256e5e1c8f083ff839faab57e98b541f

Fatti non foste per viver come bruchi, ma per seguire i sogni e alzarvi in volo!